martedì, Novembre 19, 2019
Learning Italy

Alternanza scuola lavoro, adottate le nuove linee guida

alternanza scuola lavoro. Immagine con studenti

Alternanza scuola lavoro: le nuove linee guida entrano in vigore. Le attività vengono rinominate Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento.

Le nuove linee guida sull’alternanza scuola lavoro entrano ufficialmente in vigore. Ciò avviene in seguito al decreto ministeriale del 4 settembre 2019, emanato dal Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca, che definisce le linee guida in merito ai Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento. Le direttive sono applicabili alle scuole secondarie di secondo grado, statali e paritarie, già dall’anno scolastico 2019/2020.

Tale aggiornamento si rende necessario in seguito all’evoluzione degli orientamenti europei che pongono sempre più al centro un’istruzione di qualità basata sulle competenze. Infatti la Direttiva europea del 22 maggio 2018 definisce le competenze per l’apprendimento permanente, per la flessibilità e l’adattabilità di fronte alle trasformazioni digitali e tecnologiche in corso.

Le scuole devono quindi promuovere i Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento, PCTO, con il fine di sviluppare appunto le cosiddette competenze trasversali. I PCTO, inoltre, favoriscono una connessione tra competenze trasversali e competenze tecnico-professionali. Gli studenti possono così avere un’esperienza in contesti extrascolastici e professionali. L’obiettivo, inoltre, è che gli studenti maturino una maggiore consapevolezza delle proprie vocazioni in una logica centrata sull’auto-orientamento.

In particolare, i PCTO sono inseriti nel Piano Triennale dell’Offerta Formativa del triennio finale delle scuole superiori. Nell’alternanza scuola lavoro gli studenti possono collaborare con enti pubblici, privati e di volontariato, in Italia o all’Estero. In ogni caso il vincolo di ore minimo è di 90 ore nel triennio finale per i licei, 150 per gli istituti tecnici e 210 per gli istituti professionali.

Per monitorare il percorso di alternanza scuola lavoro dello studente, la scuola deve designare un docente tutor interno e nel caso di esperienze presso strutture ospitanti c’è anche un tutor formativo esterno. Le linee guida sollecitano una forte interazione tra i due soggetti. Inoltre la valutazione finale riguarda anche il comportamento dello studente nel contesto operativo. Le competenze trasversali sono infatti legate anche agli aspetti caratteriali e motivazionali della persona.

A conclusione del PCTO, la certificazione finale delle competenze acquisite contiene i risultati della valutazione. Per il Miur la certificazione è uno dei pilastri per l’innovazione del sistema d’istruzione e per la valorizzazione dell’alternanza scuola lavoro. Inoltre la certificazione finale delle competenze acquisite è contenuta nel curriculum dello studente. Il curriculum è quindi allegato al diploma finale rilasciato una volta superati gli esami di maturità.

Cosa ne pensi?