mercoledì, dicembre 13, 2017
Learning Italy

Elaborato dal Cedefop il rapporto sull’anticipazione delle competenze.

anticipazione delle competenze

Il Cedefop ha pubblicato un rapporto sull’anticipazione delle competenze nel mondo del lavoro. Secondo il rapporto il mondo è in continuo mutamento e per questo è necessario prevedere come il mercato del lavoro sarà modificato dalla tecnologia, dai cambiamenti climatici e dalla demografia. In questo modo le persone saprebbero che tipo di istruzione e formazione seguire per immettersi al meglio nel mondo del lavoro; le imprese conoscerebbero le competenze più utili e i politici potrebbero adattare i sistemi di istruzione e formazione alle nuove esigenze. LMSI, un organo che fornisce informazioni sulle tendenze attuali e future del mercato del lavoro e sui fabbisogni di competenze, può aiutare le persone, le imprese e i politici a prendere decisioni informate.  L’anticipazione delle competenze non è la pianificazione della forza lavoro: non si vuole prevedere quanti meccanici saranno necessari nel 2025.

L’anticipazione delle competenze analizza come si sviluppano i mercati del lavoro e come cambiano i posti di lavoro, le competenze e le esigenze di apprendimento. Non pretende di poter prevedere con certezza l’evoluzione delle abilità, ma può segnalare le possibili competenze future e informare su come affrontarle.

Tutti gli Stati membri dell’Unione Europea stanno avviando attività di anticipazione delle competenze e rafforzando quelle già esistenti. I modelli di previsione delle competenze sono ben consolidati in Germania, Irlanda, Paesi Bassi, Finlandia, Svezia e Regno Unito. Altri, come Grecia ed Estonia, stanno lavorando per migliorare o stabilire nuovi modelli e infrastrutture di previsione. I metodi di anticipazione delle competenze variano in tutta l’UE; anche le fonti di dati variano. I metodi utilizzati possono influenzare i dati disponibili e viceversa. Alcuni metodi sono più adatti a descrivere l’attuale offerta di competenze e la situazione della domanda; altri invece forniscono proiezioni a lungo termine.

Esistono previsioni di tipo quantitativo e qualitativo. Le previsioni quantitative hanno bisogno di dati sul mercato del lavoro di buona qualità e relativi a un lungo periodo di tempo. Le stime qualitative, come le relazioni di esperti, sono utilizzate meno frequentemente dagli Stati membri. Altri approcci di anticipazione delle competenze prevedono indagini sui datori di lavoro, dipendenti e sui diplomati. Tutti i metodi di previsione delle competenze hanno punti forti e deboli. Il metodo migliore combina elementi di previsione quantitativi e qualitativi che si adattano alle caratteristiche nazionali. Non esiste un unico approccio migliore, ma più attività, metodi e intervalli di tempo possono essere difficili da coordinare. Inoltre una scarsa infrastruttura statistica potrebbe minare l’efficacia dell’anticipazione delle competenze.

I ruoli delle parti interessate sono differenti tra gli Stati membri: possono partecipare in modo sistematico e attivo in tutte le fasi di progettazione, raccolta e utilizzo dei risultati di anticipazione delle competenze; oppure possono svolgere un ruolo consultivo alla ricezione dei risultati. Le parti sociali sono strettamente coinvolte in Lussemburgo, mentre Stati membri come Danimarca, Germania, Spagna e Francia presentano un ampio coinvolgimento delle parti interessate.

L’efficacia dell’anticipazione delle competenze  dipende dalla diffusione dei risultati. La maggior parte degli Stati membri diffonde i risultati di anticipazione delle competenze a un vasto pubblico attraverso i mezzi di comunicazione di massa come rapporti, riviste, siti web, TV, giornali. L’efficacia dell’anticipazione delle competenze dipende anche dal finanziamento e anche in questo caso gli approcci degli Stati membri variano:  nella maggior parte degli Stati i ministeri dell’istruzione o del lavoro sono i principali finanziatori delle misure di anticipazione delle competenze. Tutti gli approcci di finanziamento hanno punti deboli e forti: i finanziamenti da un’unica fonte potrebbero essere più vulnerabili ai tagli; mentre i finanziamenti da diverse fonti possono causare problemi di coordinamento.

Il Cedefop ha avviato un progetto per aiutare gli Stati membri a migliorare i loro metodi di previsione delle competenze. Nel progetto si forniscono competenze tecniche, metodi e strumenti per migliorare la collaborazione tra le parti sociali interessate e, in questo modo, sviluppare l’anticipazione delle competenze.

Leggi anche: CEDEFOP: NUOVE GUIDE DI SUPPORTO AL MIGLIORAMENTO DELLE COMPETENZE

Cosa ne pensi?