sabato, dicembre 15, 2018
Learning Italy
apprendistato in america

L’amministrazione Trump dà avvio a un piano di promozione dell’apprendistato in America, raddoppiandone i fondi destinati.

Dal novembre 2017 è stata istituita la Task Force on Apprenticeship Expansion, un efficace strumento di placement che ha l’obiettivo di avvicinare i giovani al mercato del lavoro diffondendo i punti di forza dell’apprendistato e i benefici che porta a lavoratori e imprese.

Il presidente Trump nella dichiarazione del 9 novembre si è detto favorevole alla Apprenticeship week, un incontro relativo all’apprendistato svoltosi tra il 12 e il 18 del mese, e ne ha riconosciuto il principale strumento per rispondere ai bisogni delle aziende americane.

Si tratta di un approccio innovativo per il sistema americano in cui l’apprendistato e l’istruzione professionale in generale non hanno mai funzionato: gli apprendisti sono lo 0,2% dei lavoratori totali (contro l’1,7% italiano e il 3,7% tedesco)

Il ricercatore americano Greg Ferenstein ha analizzato storicamente le cause di questa scarsa diffusione: “l’apprendistato e i lavori multipli sono stati per migliaia di anni e forse sarebbero anche continuati ad essere la norma… è dall’introduzione della prima macchina per il risparmio di manodopera che ha inizio il declino dell’apprendista”. Ritiene che l’economia americana debba vivere di creatività e non di monotonia e continua  spiegando che la high school americana non è pensata per formare i giovani al lavoro ma solo al college (la nostra università). L’idea che si ha degli apprendistati e dei percorsi d’istruzione professionale è che siano una soluzione di ripiego per chi non riesce a completare un percorso accademico

L’apprendistato americano non ha successo perché viene visto dalla middle class come un percorso destinato a classi sociali meno abbienti: l’idea è che i figli della middle class debbano fare il college per diventare i leader del futuro (futuri dirigenti d’azienda, avvocati e business) mentre i corsi tecnici e professionali vengano frequentati da minoranze etniche (afroamericani e ispanici) che non permettono di accedere a carriere di prestigio.

L’amministrazione Trump ha voluto incentivare economicamente l’apprendistato creando network tra imprese e sistemi formativi innovativi, ma ha anche voluto scardinare i pregiudizi collegati.

È necessario un vero e proprio mutamento del paradigma culturale perché l’istruzione tecnica e professionale non venga vista solo come la soluzione di ripiego per le minoranze svantaggiate ma come un percorso d’apprendimento valido che conduce a carriere professionali ben retribuite

Anche in Europa si vuole superare questo pregiudizio e si sono previste 3 direzioni per l’IeFP.

Cosa ne pensi?