domenica, Aprile 21, 2019
Learning Italy

Centri per l’impiego alla Regione, firmata la convenzione con Ministero

toscanaCambiano i centri per l’impiego provinciali. Da gennaio dipenderanno dalla Regione. Cambiano ma rimarranno gli stessi e continueranno soprattutto a rimanere aperti nelle dieci province dove oggi sono attivi.

La Toscana avrebbe voluto costituire fin da subito un’agenzia regionale e l’obiettivo rimane questo, per legare assieme formazione e servizi per il lavoro, andando ad una forte qualificazione dei servizi in modo da superare l’attuale segmentazione a livello provinciale degli interventi unificando le politiche e le forme di supporto e sostegno su tutto il territorio regionale per i lavoratori e per chi cerca lavoro.

Ma nella fase transitoria dei prossimi due anni, in attesa della conclusione del dibattito sulla riforma costituzionale e dell’autonomia speciale sui servizi per il lavoro, che la Toscana conferma di essere interessata a richiedere, un’agenzia non poteva essere costituita. Il personale dei centri per l’impiego, infatti, non poteva neppure diventare regionale con un passaggio diretto, come è stato per altri dipendenti delle Province. E così la scelta è stata un’altra.

La Regione darà vita ad una struttura interna dedicata, con una nuova direzione che avrà il compito di gestire gli oltre mille operatori dei 60 centri per l’impiego e sportelli territoriali. I lavoratori a tempo indeterminato e determinato delle Province saranno assegnati temporaneamente alla Regione, con l’auspicio che al termine del periodo transitorio vi possa essere il passaggio definitivo ed in forma stabile di competenze e dipendenti alla Regione e di poter in tal senso far partire l’Agenzia.

Due terzi degli stipendi e delle spese di funzionamento saranno coperte dal Ministero e quel che rimane dalla Regione, che nella proposta di bilancio per il 2016 ha già stanziato 6 milioni di euro, oltre ai 15 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo e che saranno trasferiti nei prossimi giorni per garantire i servizi con il rinnovo delle gare e del personale.

 

Cosa ne pensi?