lunedì, Luglio 22, 2019
Learning Italy

Emilia Romagna: programmazione scolastica, IeFP e CPIA

Emilia Romagna: programmazione scolastica e IeFP

Emilia Romagna: programmazione scolastica, IeFP – Il 26 giugno 2019, l’assemblea legislativa della Regione Emilia Romagna delibera gli indirizzi regionali per la programmazione territoriale in materia di offerta di istruzione e di rete scolastica per gli aa.ss. 2020/2021 (Deliberazione N. 210).

In concreto, l’assemblea legislativa richiama la deliberazione della Giunta regionale n. 753 del 20 maggio 2019, con oggetto “Indirizzi regionali per la programmazione territoriale in materia di offerta di istruzione e di rete scolastica per gli aa.ss. 2020/2021 e seguenti ai sensi della l.r. n. 12/2003 e ss.mm.ii.e la approva in toto.

Il contenuto della delibera:

  • si chiede di stabilire che gli indirizzi abbiano validità a partire dalla programmazione inerente l’a.s. 2020/2021 e restino in vigore fino all’eventuale approvazione da parte dell’Assemblea Legislativa di nuovi indirizzi in materia;
  • si invita a produrre comunicazioni adeguate, ai sensi delle disposizioni normative e amministrative per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni.

Partendo dall’idea condivisa che il destino economico e sociale di un territorio dipenda dal livello qualitativo e quantitativo di istruzione dei suoi abitanti, e che il livello di scolarità sia la nuova discriminante sociale del territorio, la Regione Emilia Romagna promuove una nuova programmazione scolastica e IeFP, invitando ad una organizzazione della rete scolastica e una programmazione dell’offerta formativa adeguate.

In concreto:

  • il documento di programmazione deve promuovere la realizzazione di un sistema unitario e integrato a livello regionale di percorsi IeFP che permetta lo sviluppo delle competenze dei giovani in vista delle opportunità occupazionali del territorio;
  • tra il 2000/2001 e il 2018/2019, la popolazione scolastica dell’Emilia-Romagna ha avuto un incremento del 36.3%, un dato molto importante che fa capire l’urgenza di adeguare le proprie strutture scolastiche;
  • spetta ai Comuni, alle Province e alla Città metropolitana di Bologna definire e attuare le operazioni di riorganizzazione della rete scolastica, anche prevedendo soppressioni, fusioni, sdoppiamenti e cambi di aggregazione dei plessi, (si pensi alle scuole situate in aree montane e di piccolissime dimensioni).

Un occhio di riguardo è dato all’istruzione degli adulti – CPIA

I Centri Provinciali per l’istruzione degli adulti, CPIA, rappresentano il luogo per favorire la domanda di istruzione e formazione tra gli adulti. Questi centri sono nati soprattutto per promuoverne l’occupazione e contrastare il fenomeno dei NEET. In Emilia Romagna il processo di attivazione dei CPIA si è concluso con l’istituzione di almeno un CPIA in ogni territorio provinciale.

LEGGI ANCHE: LA RIPARTIZIONE DELLE RISORSE PER LE IEFP – 2018

Cosa ne pensi?