domenica, Aprile 18, 2021
Learning Italy

FONDO NUOVE COMPETENZE: un’opportunità per datori di lavoro e dipendenti

Crescita con Fondo nuove competenze

Il Fondo nuove competenze è una misura che permette ai datori di lavoro di ottenere un rimborso per i dipendenti coinvolti in progetti di formazione che prevedano l’acquisizione di nuove competenze. Le domande potranno essere presentate direttamente sul sito dell’Anpal. Il fondo è istituito in attuazione dell’articolo 88, comma 1 del Decreto Legge n. 34/2020 e dell’art. 4 del Decreto Legge 14 agosto 2020 n. 104.

La prima condizione per poter accedere ai contributi previsti dal FNC (Fondo Nuove Competenze) è quindi la stipula di un accordo di rimodulazione del monte ore lavorativo. Tale riduzione dell’orario di lavoro, permette di favorire la partecipazione a percorsi formativi; grazie a questi i dipendenti potranno apprendere le diverse esigenze produttive dell’impresa e di conseguenza sviluppare le nuove competenze necessarie per rimanere al passo con le evoluzioni del mercato, e così accompagnare la fase di rilancio dell’ azienda.

I progetti di formazione possono inoltre prevedere come finalità la riqualificazione del dipendente coinvolto, attraverso la partecipazione al progetto il dipendente potrà utili ad incrementare le possibilità di occupazione, promuovendo anche la possibilità di inserimento in realtà lavorative differenti.

Tali percorsi formativi, che dovranno partire entro il 2020, possono essere erogati da enti accreditati in ambito formativo a livello sia nazionale che regionale e da soggetti privati che svolgano attività di formazione. È inoltre possibile per le aziende stesse erogare in autonomia la formazione sempre che siano in caso di possesso di requisiti tecnici, fisici e professionali necessari ad assolvere i requisiti formativi.

Il Fondo nuove competenze rimborsa il costo orario dei dipendenti in formazione fino a un massimo di 250 ore per lavoratore. Nel progetto devono essere individuati: soggetti destinatari e soggetto erogatore, obiettivi di apprendimento, la durata, gli oneri, e le modalità di svolgimento del percorso di apprendimento.

A livello di risorse sono stanziati 400 milioni per il 2020, 230 milioni per il 2021. I progetti presentati al fondo posso essere integrate con le risorse dei stanziate dai Fondi paritetici interprofessionali, dai Programmi operativi nazionali e regionali, dal Fondo sociale europeo oltre che con il Fondo per la formazione e il sostegno al reddito dei lavoratori (FormaTemp).

Con il Fondo nuove competenze il percorso formativo dovrà essere sviluppato supervisionando il suo svolgimento in vista di un’eventuale implementazione, ma soprattutto tenendo conto dell’adeguata valorizzazione del patrimonio di competenze del lavoratore. Andrà così a innalzare così il valore del suo capitale umano nel mondo del lavoro.

Il Fondo è uno strumento nuovo, flessibile, pertanto la validità del suo impiego è da valutare sul lungo periodo. Per il momento si prospetta un fattore positivo il fatto che la progettazione formativa sia fatta in linea con le competenze del Quadro Nazionale delle Qualificazioni. Altro elemento favorevole consiste nella possibilità di integrare le risorse provenienti da diversi canali. Bisognerà monitorare l’attuazione per verificare l’adesione da parte delle imprese e così provare a verificarne l’effettiva efficacia.

Cosa ne pensi?