mercoledì, novembre 14, 2018
Learning Italy

FORMAZIONE 4.0 oggi per il domani

formazione 4.0

L’importanza della FORMAZIONE 4.0 e la sua applicazione diventano sempre più urgente per affrontare la quarta rivoluzione digitale che sta investendo il nostro Paese. La produzione industriale si fa quasi completamente automatizzata e interconnessa costringendo diverse fasce di lavoratori ad essere correttamente preparati e aggiornati a relazionarsi con questa nuova realtà.
L’industria 4.0 è finalizzata a rendere il lavoro e la produzione più veloce, sicura e performante, ma sono necessarie le competenze per collaborare con questi macchinari e per raggiungere una sinergia macchina-lavoratore quanto più funzionale possibile.

Ecco che allora ognuno deve impegnarsi ad acquisire basi conoscitive che permettano questo approccio.
Il primo target sono sicuramente gli studenti delle superiori e gli universitari a cui servono le capacità di base.
Il secondo target sono i lavoratori che necessitano di costanti aggiornamenti.

Tra le capacità più importanti spiccano raccolta e comprensione dei dati sfruttando le capacità cognitive delle macchine, l’interazione uomo-macchina e il passaggio da digitale a reale.

A favore della formazione 4.0 ci si può avvalere di diversi strumenti: in primis il Piano Nazionale Impresa 4.0 che comprende, ad esempio, gli incentivi fiscali proprio a favore di corsi di formazione per i dipendenti, inoltre troviamo centri di competenza ad alta specializzazione (Competence center) per l’orientamento alle imprese, l’alta formazione e la ricerca applicata con progetti sperimentali e innovativi.

Per ora l’Italia sembra iniziare a comprendere l’importanza della formazione 4.0: sulla base di una ricerca condotta dall’Osservatorio Industria 4.0 sembra che da quasi il 40% di due anni fa siano scese a meno del 3% le imprese che si dichiarano del tutto estranee al tema, il 15% è in fase esplorativa e il 55% si è già attivato per aggiornarsi.

Ciò che risulta fondamentale adesso è cercare strumenti per coinvolgere le piccole e medie imprese, centro della produzione manifatturiera italiana. Perché la formazione non si presenta solo come un diritto dei lavoratori ma è altrettanto necessario per sopravvivere e trovare un posto all’ interno del nuovo paradigma digitale.

Cosa ne pensi?