mercoledì, novembre 14, 2018
Learning Italy
Garanzia Giovani in Lombardia

Garanzia Giovani in Lombardia ha iniziato la sua seconda fase e il 24/9/2018 è stato pubblicato il piano esecutivo regionale per la Lombardia di attuazione della garanzia per i giovani a seguito della nota Anpal di gennaio in cui il ministero metteva a disposizione il budget per la 2° fase di Garanzia Giovani.

Riepilogo

  • Garanzia Giovani nasce nell’aprile 2013 come piano di iniziative e incentivi funzionali a migliorare la situazione di disoccupazione dei giovani compresi tra i 15 e i 30 anni di età non impegnati in attività di studio o lavoro (i cosiddetti ‘NEET’- Not engaged in Education, Employment or Training).
  • Una prima fase ha coperto il triennio 2014-2017 coperto da finanziamenti europei diretti ai diversi stati per sostenere attività di formazione, politiche attive per l’orientamento e sostegno per l’occupazione giovanile.
  • Da luglio 2017 è iniziato il secondo triennio con lo stanziamento di nuove risorse europee del valore di 343 milioni di euro per l’Italia ridivisi tra le regioni.

1° fase Garanzia Giovani in Lombardia

Garanzia Giovani in Lombardia vede,  nella sua prima fase, 178 milioni di euro a disposizione per coinvolgere 52 mila giovani, sostenere 13 mila assunzioni e 22 mila tirocini. Garanzia Giovani in Lombardia può ‘vantare’, a fine aprile 2017, 152 mila giovani aderire al Programma nella Regione Lombardia, di cui il 19% residenti in altre Regioni, con una presa in carico di 101.903 ragazzi che hanno concluso la prima fase di accoglienza e quasi 50 mila iscritti che hanno sottoscritto un contratto di lavoro vero e proprio.

Punti di forza

  • aumento del 2,2% del tasso di occupazione tendenzialmente più marcato per la componente maschile
  • diminuzione disoccupazione del 5% (dal 20,3% al 15,2%)
  • dei presi in carico (101.903) il 92% è stato attivato nel mercato del lavoro (di cui il 46% con un tirocinio)
  • degli attivati nel mercato del lavoro il 26% è stato inserito in apprendistato, il 24% con un contratto a tempo indeterminato, il 50% con un contratto a tempo determinato di cui quasi il 41% maggiore ai 6 mesi
  • concentrazione delle risorse su accompagnamento al lavoro, bonus occupazionali, formazione per l’inserimento al lavoro,  orientamento specialistico o di II livello
  • incentivo alle esperienze di tirocinio qualitativamente migliori (dovuto anche alla possibilità di accedere all’indennità di tirocinio solo con un tirocinio di almeno 120 giorni)
  • è la regione con il tasso di inserimento al lavoro più elevato

Punti di debolezza

  • mancanza di autoimprenditorialità lasciando tutto sotto controllo del capo della Camera di Commercio
  • fragilità canali di comunicazione in quanto il 30% dei giovani iscritti al programma non hanno proseguito nell’attuazione delle agevolazioni

2° fase Garanzia Giovani in Lombardia (alcune novità)

La seconda fase di Garanzia Giovani in Lombardia si apre a luglio 2018 per concludersi nel 2020. Alcune novità di spicco che emergono sono:

  • servizio Assunzione e Formazione > per facilitare l’inserimento al lavoro di candidati che presentano solo parzialmente le abilità richieste, è possibile assumerli e successivamente (entro 120 giorni dall’avvio del rapporto di lavoro) inserirli in un breve percorso formativo di 1 anno massimo dall’assunzione. Tale incentivo è valido tanto per i contratti a tempo determinato, indeterminato e in somministrazione
  • modifica del servizio di Accompagnamento al lavoro > il servizio ha una durata di massimo 6  mesi e viene sospeso se si inserisce il giovane in percorsi IeFP o lavorativi di durata inferiore ai 6 mesi (passati i 6 mesi e senza rinnovo di contratto il servizio si riattiva). Le remunerazioni che gli operatori guadagneranno a servizio erogato rimangono invariate nei valori, ma vengono cambiate le tipologie di contratti riconosciuti: tempo indeterminato e apprendistato I e III livello (remunerazioni da 1500 a 3000 euro), Apprendistato II livello e tempo determinato di almeno 12 mesi (remunerazioni da 1000 a 2000 euro), tempo determinato di almeno 6 mesi (remunerazioni da 600 a 1200 euro)
  • modifica delle modalità per Tirocionio extra-curriculare (max 6 mesi) > mentre prima l‘ente promotore veniva pagato del 50% a metà del percorso di tirocinio e del restante 50% alla fine del tirocinio, adesso la remunerazione viene erogata in una sola volta entro 30 giorni dalla fine del contratto

Confronto economico 1° e 2° fase di alcuni elementi

Garanzia Giovani in Lombardia

 

Prime conclusioni

Dal confronto appare evidente la diminuzione sostanziale delle risorse totali per la regione Lombardia.
L’accompagnamento al lavoro rimane tra i primi servizi a cui vengono destinate le risorse.
Il tirocinio extra-curriculare subisce una diminuzione delle risorse molto importante ma che, in realtà, lo fa comunque rimanere tra i servizi con maggior stanziamento.
Così anche per la formazione che resta abbastanza stabile ricevendo, in proporzione, le medesime risorse. Sempre riguardo la formazione è possibile notare nella 2° fase una specializzazione dei servizi: ‘Assunzione e Formazione’ infatti si propone come servizio di formazione su misura non generalista coerente con i bisogni dell’azienda.

Leggi anche: LE NUOVE MODALITÀ DI GARANZIA GIOVANI 2018 PER LE ASSUNZIONI DI GIOVANI

Per maggiori informazioni sulla novità introdotte dalla 2° fase di Garanzia Giovani arriverà prossimamente un articolo specifico.

 

Cosa ne pensi?