sabato, settembre 22, 2018
Learning Italy

Garanzia Giovani Veneto: finanziati 2 mila contratti di tirocinio.

Garanzia Giovani Veneto

Il programma Garanzia Giovani Veneto ha come obiettivo quello di offrire 2mila contratti di tirocinio per favorire l’occupazione giovanile tra i 18 e i 29 anni. I centri per l’impiego si occuperanno di promuovere i tirocini tra i giovani che si sono iscritti al programma Garanzia Giovani Veneto e si sono iscritti presso i centri.

A partire da maggio 2014, in Veneto il programma Garanzia Giovani Veneto ha registrato 100 mila adesioni. Tra questi 63 mila hanno aderito a un percorso formativo o professionale. 11 mila hanno potuto svolgere un tirocinio in azienda, una risorsa efficace per legare domanda e offerta di lavoro. Nell’ultimo anno 7 tirocini su 10 attivati in Veneto si sono trasformati in contratti di lavoro. Questo è un dato molto positivo ed è stato attestato dalla banca dati di Veneto Lavoro, che conferma la validità del tirocinio per aiutare i giovani ad acquisire competenze pratiche e per incentivare le aziende a investire e inserire nuove risorse.

Il programma Garanzia Giovani Veneto ha posto 2 milioni e 400 mila euro per finanziare i tirocini. Questo finanziamento dà la possibilità a rendere concreti 2 mila tirocini in aziende e studi professionali individuati dai Centri per l’Impiego. La durata massima dei tirocini è 6 mesi e la conclusione deve essere fissata entro il 15 settembre 2018. I tirocinanti riceveranno una indennità mensile di 300 euro, direttamente dall’Inps; mentre l’azienda è tenuta a partecipare con ulteriori 150 euro mensili che comprendono anche i buoni pasto nel caso di full-time. Due tutor seguiranno il tirocinante: uno dell’azienda e uno del Centro per l’impiego, che avrà il compito di controllare che tutti i termini siano rispettati.

Molte aziende, anche di grandi dimensioni, ricorrono alla forma del tirocinio. La Regione Veneto, per questo motivo, ha deciso di mettere a disposizione tutti gli strumenti necessari perché il tirocinio possa diventare uno strumento stabile per l’inserimento dei giovani nel mercato del lavoro.

Cosa ne pensi?