lunedì, Luglio 22, 2019
Learning Italy
Inps chiarisce le nuove modifiche al Reddito di Cittadinanza. Foto di calcolatrice e conti da far quadrare.

Inps chiarisce le nuove modifiche al Reddito di Cittadinanza. Una circolare di chiarimenti ed esempi per spiegare la Legge 28 marzo 2019, n. 26, di conversione del decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4. “Modifiche alla disciplina del Reddito e della Pensione di cittadinanza”.

Breve riepilogo e puntualizzazione di alcuni aggiornamenti del decreto legge:

  • il Reddito di Cittadinanza resta condizionato alla presentazione della dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro (DID);
  • è fondamentale l’adesione ad un percorso personalizzato di accompagnamento all’inserimento lavorativo;
  • la legge di conversione approfondisce tutto quanto riguarda le domande di richiesta del Reddito da parte di nuclei con componenti disabili e definisce i requisiti per accedere alla Pensione di cittadinanza;
  • ci sono disposizioni particolari se il richiedente è sottoposto a misura cautelare personale, o sia stato condannato, in via definitiva;
  • il patrimonio immobiliare va verificato su quello esistente in Italia e all’estero;
  • i cittadini di Stati non appartenenti all’Unione Europea devono produrre una certificazione rilasciata dalla competente autorità dello Stato estero, sui requisiti di reddito e patrimoniali, e sulla composizione del nucleo familiare;
  • il decreto-legge ha integrato la normativa ISEE sulla composizione del nucleo in materia di coniugi separati o divorziati e di figli maggiorenni non conviventi, a carico IRPEF dei genitori.

Altri punti salienti della circolare INPS che chiarisce le nuove modifiche al Reddito di Cittadinanza:

  • le definizioni sul coinvolgimento degli Istituti di Patronato;
  • le precisazioni sulla soglia in caso di nucleo in abitazione in locazione;
  • i chiarimenti sulle eventuali variazioni patrimoniali;
  • cosa dichiarare in caso di variazioni dell’attività lavorativa;
  • precisazioni dopo l’abrogazione del ReI;
  • chi è escluso dal presentare la DID.

Leggi anche: TUTTO CIÒ CHE C’È DA SAPERE SUL REDDITO DI CITTADINANZA

Cosa ne pensi?