giovedì, Dicembre 2, 2021
Learning Italy

LAVORO&ORIENTAMENTO/ Si conclude il progetto pilota umbro

orientamentoLe politiche attive del lavoro e il valore dell’orientamento per supportare la capacità di scelta, iniziativa e la ricerca di opportunità sono stati i temi al centro di un seminario che si è tenuto a Palazzo Donini a conclusione del progetto “PRO.Muoversi”, finanziato dal Servizio politiche attive del lavoro della Regione Umbria attraverso il Fondo sociale europeo e realizzato da Associazione “FORMA.Azione srl”, in “Ats” con “Jobnet” srl e con la collaborazione dell’Agenzia di lavoro interinale  “GiGroup” spa.

Durante  l’apertura dei lavori il Coordinatore imprese e lavoro della Regione Umbria, Luigi Rossetti, ha fatto il punto sui servizi di Politica Attiva del Lavoro e sulle sfide che li attendono in un periodo particolarmente dinamico del mercato del lavoro e del contesto normativo di riferimento. In questo quadro – ha detto Rossetti – la spinta al cambiamento che ne deriva va letta come opportunità per migliorare i livelli di efficacia dei servizi di politica attiva del lavoro e, soprattutto, come maggiore capacità di risposta personalizzata e dedicata alla domanda individuale di giovani e adulti disoccupati.

Sono quindi seguiti tre Panel di esperti. I temi affrontati nei primi due Panel hanno riguardato l’analisi,  le esperienze e le pratiche innovative realizzate in Umbria per favorire risposte e soluzioni adeguate al mutato contesto economico-produttivo e la domanda e offerta di politiche attive del lavoro. Sono intervenuti esperti dell’orientamento e del mercato del lavoro del settore pubblico e privato che hanno, tra l’altro, evidenziato l’importanza di fornire risposte individualizzate e mirate rispetto ai fabbisogni manifestati dai differenti target di utenti dei servizi per il lavoro e la formazione. E’ stato  inoltre sottolineato il valore di integrare le competenze e le professionalità disponibili nel settore, anche nel rispetto della sussidiarietà pubblico-privato e di un generale principio di efficienza ed economicità degli interventi.

L’ultimo Panel ha consentito ai presenti di condividere il quadro europeo di riferimento per le politiche e le pratiche di orientamento, formazione e mobilità delle persone, con particolare riferimento alla valorizzazione e al riconoscimento delle competenze apprese tramite gli strumenti  “Europass” e “Euroguidance”, così come da software dedicati, per l’incrocio tra domanda e offerta di lavoro e la certificazione delle competenze.

Ai primi due Panel hanno partecipato Sabrina Paolini della Regione Umbria sul tema della Garanzia Giovani, Francesco Giovagnoni per i Centri per l’Impiego di Perugia, Antonietta Petetti responsabile della Sezione programmazione e attuazione interventi in materia di orientamento della Regione Umbria, Vania Mangialardo dei Centri per l’Impiego della Provincia di Terni e,  per il privato,  Filomena Italiano di Gi Group, Sylvia Liuti, Francesca D’aprile e Antonella Carrera di FORMA.Azione, Giuseppe Frullo, Direttore Commerciale di GBC Technology, Simone Sensi di Consorzio Futuro.

Il terzo Panel ha visto la presenza di Ismene Tramontano di “Isfol”, Giuseppe Luongo di “Aidp” Nazionale, Anna Ascani di “Aur”, Giulio Iannis di “Pluriversum” e Alessandro Brizioli di “Jobnet”.

Cosa ne pensi?