mercoledì, novembre 14, 2018
Learning Italy

Modalità di richiesta di assegno di ricollocazione

modalità di richiesta di assegno di ricollocazione

Il 23 luglio 2018 sono state comunicate da ANPAL le modalità di richiesta di assegno di ricollocazione valide per coloro che hanno sottoscritto un accordo di ricollocazione. L’assegno deve essere richiesto entro 30 giorni dalla sottoscrizione.
Entrato in vigore da maggio 2018, l’assegno di ricollocazione (AdR) nasce come strumento per facilitare le dinamiche di ricollocazione. Questo dispositivo è rivolto ai disoccupati che ricevono la NASpI da almeno 4 mesi e da coloro che hanno sottoscritto un accordo di ricollocazione. L’ accordo coinvolge lavoratori con riduzione e/o sospensione dell’attività lavorativa inseriti in ambiti aziendali  per i quali sia stato dichiarato un esubero. L’importo dell’assegno si deve utilizzare presso un centro di servizio di assistenza alla ricerca del lavoro, quindi non viene incassato direttamente dal disoccupato, ma dal Centro per l’impiego o alle agenzie accreditate al lavoro. L’importo sarà assegnato solo nel caso in cui il disoccupato venga ricollocato.

I seguenti passaggi per la richiesta dell’assegno di ricollocazione sono validi solo per chi ha sottoscritto l’accordo di ricollocazione.

I passaggi necessari che il richiedente deve svolgere per l’AdR sono i seguenti:

  • registrarsi sul portale ANPAL (anpal.gov.it)
  • accedere all’indirizzo http://adrcigs.anpal.gov.it
  • inserire 1) codice fiscale dell’azienda 2) numero di telefono cellulare del lavoratore 3) indirizzo e-mail  4) lettura e accettazione dell’informativa sulla privacy (obbligatoria)
  • ottenuta la comunicazione, verrà svolta dopo 30 giorni dalla prenotazione una verifica automatica
  • si verrà avvisati dell’esito positivo della richiesta di assegno di ricollocazione tramite mail. Entro 30 giorni dal ricevimento della e-mail, completare la procedura di richiesta inserendo 1) dati per la profilazione 2) operatore di assistenza del processo di ricollocazione scelto con cui fissare un appuntamento

Sarà il datore di lavoro a:

  • farsi carico della trasmissione dell’accordo di ricollocazione ad ANPAL entro sette giorni dalla stipula
  • inviare un prospetto in formato excel riguardo i dati dei lavoratori coinvolti dalla crisi aziendale e dal successivo programma di riorganizzazione

Una volta rilasciato l’assegno di ricollocazione le fasi a seguire saranno le stesse valide per coloro che ricevono la NASpI.

La richiesta verrà sospesa se :

  • il richiedente non è presente tra i lavoratori interessati dalla domanda di integrazione salariale
  • la prenotazione è avvenuta dopo 30 giorni dall’accordo stipulato
  • la prenotazione è avvenuta dopo il raggiungimento del numero massimo di richieste previste (nonostante le corrette tempistiche)
  • se non risulta alcun accordo di ricollocazione a sistema dopo trenta giorni dalla prenotazione

In tutti questi casi si verrà avvisati tramite una comunicazione.

Cosa ne pensi?