lunedì, Ottobre 21, 2019
Learning Italy

Nuove competenze di base nell’IeFP

nuove competenze di base. Immagine con schema delle competenze

Il nuovo repertorio nazionale IeFP prevede l’inserimento di nuove competenze culturali di base e la modifica di competenze già presenti.

Nel nuovo repertorio IeFP approvato dalla Conferenza Stato-Regioni dell’1 agosto 2019 ci sono importanti modifiche alle competenze culturali di base riferite ai percorsi di qualifica e diploma professionale . La necessità di adeguare le competenze è dovuta alla Raccomandazione del Consiglio europeo del 22 maggio 2018.

La raccomandazione europea prevede che gli Stati membri si impegnino a incrementare il livello di conoscenza delle competenze di base (alfabetiche, matematiche e digitali) e delle competenze personali e sociali. In particolare il Consiglio europeo sottolinea l’importanza che hanno nella nostra società le competenze digitali, l’apprendimento delle lingue e la condivisione di valori comuni.

Tra le più importanti modifiche apportate nel repertorio IeFP si trova l’inserimento di nuove competenze di base: digitale e di cittadinanza. Altre integrazioni significative riguardano la competenza linguistica relativa all’utilizzo di una lingua straniera e le competenze storico-geografiche-giuridico-economiche.

La competenza digitale comprende l’alfabetizzazione informatica e la padronanza dei nuovi strumenti digitali, anche nell’assumere un approccio critico per valutare l’affidabilità delle informazioni veicolate dalle nuove tecnologie. Inoltre il nuovo repertorio mostra attenzione per il mondo dell’industria 4.0 nelle conoscenze dei diplomati. La connessione di questa competenza con le altre competenze culturali di base è ormai indispensabile per l’inclusione sociale e per una cittadinanza attiva dell’individuo.

La competenza di cittadinanza è appunto l’autonoma capacità di valutare i fatti nel contesto circostante, in relazione a un sistema di valori coerente con i principi della Costituzione italiana e dei valori comuni dell’Europa. Questa nuova competenza di base si lega anche al rispetto dell’ambiente e delle diverse identità culturali presenti nella società odierna.

Nella società odierna è fondamentale la capacità di utilizzare una lingua straniera diversa da quella madre. Infatti la conoscenza di una seconda lingua europea favorisce una maggior cooperazione tra le diverse culture. Tra le conoscenze che costituiscono la competenza linguistica si è aggiunto anche l’utilizzo di codici settoriali della lingua straniera nei diversi contesti di studio e di lavoro.

Il mondo del lavoro entra in modo ancora più profondo nelle competenze storico-geografico-giuridiche ed economiche. Tra le nuove competenze di base è infatti presente l’impiego degli strumenti inerenti alla gestione aziendale e all’organizzazione dei processi lavorativi. Questa integrazione converge con la competenza imprenditoriale contenuta nella raccomandazione europea.

Cosa ne pensi?