martedì, febbraio 19, 2019
Learning Italy

PERSONE SVANTAGGIATE/ Regione Liguria apre gli appalti alle cooperative sociali

Elena Binda giugno 19, 2013 LIGURIA, Risorse pubbliche Commenti disabilitati su PERSONE SVANTAGGIATE/ Regione Liguria apre gli appalti alle cooperative sociali

cooperativaTrovare una ricetta comune per venire incontro alla forte richiesta di inclusione sociale in tempi di crisi occupazionale e scarsità di risorse per i servizi sociali.

La Regione Liguria ricomincia dal Testo Unico delle norme per il terzo settore e dalle normative sulle centrali acquisti e gli appalti pubblici che lo prevedono, per destinare una quota  del 5 % per cento degli appalti di servizio, in particolare quelli sotto la soglia europea dei 200 mila euro, all’inserimento lavorativo delle fasce deboli, quelle che comprendono persone disabili, emarginati in grado di lavorare. Ma anche per i grandi appalti è possibile inserire una clausola che consente di favorirne comunque l’inserimento.

Una cosa importante per la dignità di queste persone, un segno di civiltà per tutti e un modo per sostenere la rete socio-assistenziale dei servizi per le persone in difficoltà, afferma l’assessore all’Amministrazione Generale e Bilancio Pippo Rossetti.

E’ l’obiettivo del workshop,  che si è svolto nel pomeriggio, al Teatro della Gioventù di Genova promosso dalla Regione Liguria per indicare agli enti del settore regionale, alle società in house della Regione Liguria il percorso per affidare commesse pubbliche alle cooperative sociali di tipo B, quelle con almeno il 30%  di soci lavoratori appartenenti alle categorie svantaggiate.

Le cooperative sociali, possono occuparsi  di diversi lavori, dalla manutenzione del verde, alla piccola manutenzione edilizia, alle pulizie, ai traslochi e di molte altre attività che interessano gli enti pubblici .

Frattanto, la Regione Liguria, che  con l’assessore Lorena Rambaudi ha il coordinamento dei problemi del Welfare nelle Conferenza delle Regioni, punta anche a una modifica della legge nazionale 381 del 1991 per aggiornarla rispetto ai soggetti svantaggiati  da inserire nel mondo del lavoro.

Purtroppo oggi la platea delle parsone svantaggiate e molti più ampia, c’è bisogno di una modifica normativa a livello nazionale, una richiesta che farò al ministro del Lavoro e Politiche Sociali Enrico Giovannini con il quale abbiamo già parlato delle modifiche normative che, al di là delle risorse finanziarie, possono aiutare l’inserimento nel mondo del lavoro delle persone svantaggiate.

Comments are closed.