domenica, Dicembre 8, 2019
Learning Italy

Piattaforma ESCO: mercato del lavoro flessibile e inclusivo

istruzione e formazione professionale

Il 24 e 25 ottobre 2019 è stato presentato il programma ESCO, finalizzato a rendere il mercato del lavoro più flessibile e inclusivo

Il 24 e 25 ottobre 2019 si è tenuto presso l’auditorium Inapp il convegno “Valorizzare le competenze nel mercato del lavoro digitale: Esco, Eqf, Europass”. Durante il convegno hanno presentato per la prima volta in Italia il programma ESCO (European classification skills, competences and occupations), che si propone di rendere il mercato del lavoro più flessibile ed inclusivo.

La piattaforma ESCO, ideata per risolvere i problemi comunicativi tra Paesi e settori dell’occupazione, dell’istruzione e della formazione, è disponibile in 29 lingue e contiene una vasta classificazione delle professioni. La piattaforma si integra con le piattaforme europee per la mobilità (EURES, Eqf, Europass) e con diversi sistemi informativi nazionali.

Pedro Chaves, responsabile ESCO per la Commissione europea, ha spiegato l’intenzione di rendere il mercato del lavoro fluido e transnazionale, incrociando domanda e offerta di lavoro a distanza. Catia Mastracci, dell’ufficio di coordinamento nazionale EURES, ha parlato dell’interoperabilità del sistema ESCO con le piattaforme nazionali. Ha affermato che “la rete sostiene la mobilità professionale circolare, libera e di qualità, e offre servizi personalizzati per l’incrocio di domanda e offerta di lavoro su base europea”.

Per Anpal ha parlato Andrea Simoncini, che ha illustrato l’apporto italiano alla costruzione del repertorio nazionale delle qualificazioni nell’Atlante del lavoro. Gabriella Falzacappa ha mostrato il lavoro svolto nell’adozione del sistema ESCO e nell’integrazione e interoperabilità delle piattaforme nazionali ed europee per la mobilità professionale in Europa. La responsabile del progetto Eqf in Italia, Michela Bastianelli, ha esposto la strategia per l’apprendimento permanente e il lavoro svolto dal Punto di contatto nazionale Anpal nell’implementare il quadro nazionale delle qualificazioni.

Cosa ne pensi?