mercoledì, novembre 14, 2018
Learning Italy

Self-employment giovanile

Self-employment

Yes, I start up’ : questo il nome del nuovo progetto presentato in data 17/10/2018 a Roma. Questa iniziativa si inserisce nel contesto più ampio di Garanzia Giovani e riguarda in particolare il tema del self-employment, ossia quella forma di lavoro autonomo in cui il lavoratore è in grado di produrre col suo mestiere beni e servizi immettibili sul mercato.

Infatti, l’obiettivo principale che si pone questo progetto è il coinvolgimento e la formazione dei NEET (i giovani non occupati di età compresa tra i 15 e i 29 anni a cui si rivolge l’intero programma di Garanzia Giovani) al fine di agevolare la realizzazione delle loro idee imprenditoriali e far crescere il self-employment. Il progetto è gestito dall’Ente per il microcredito tramite l’apposita ‘Retemicrocredito’ di partner pubblici e privati provenienti dal mondo della formazione per la creazione d’impresa.
A sostegno di tali processi è garantito l’accesso al fondo rotativo di SELFIEmployment gestito da Invitalia sotto supervisione del Ministero del Lavoro. La fascia di prestiti va dai 5.000 euro ai 50.000 euro, senza interessi, rimborsabili in 7 anni con rate mensili a partire dai 6 mesi successivi all’erogazione del prestito.

La situazione riguardo il self-employment giovanile in Italia risulta da un lato bisognosa di crescita (ragion per cui gli incentivi come ‘Yes, I start up’ risultano ottimali) ma dall’altro l’imprenditorialità giovanile sembra essere presente e attiva.
Secondo il comunicato stampa di Unioncamere, infatti, 1 impresa italiana su 10 è gestita da giovani sotto i 35 anni.
Ma un fattore da tener presente è che le nuove imprese aperte registrate tra aprile e fine giugno 2018 sono 1 su 3 ad opera degli stessi giovani per un totale di 18.659 nuove imprese che vanno a sommarsi alle già esistenti imprese giovanile dando come risultato finale 551.761 forme imprenditoriali ‘under 35’.

In conclusione, risultano certamente importanti forme di incentivi come quelli proposti da Garanzia Giovani funzionali a mantenere e ad incentivare questo trend.

Cosa ne pensi?