mercoledì, Giugno 26, 2019
Learning Italy

Dote Unica Lavoro in Lombardia: avvio della terza fase

Dote Unica Lavoro

La terza fase di Dote Unica Lavoro inizierà il 22 gennaio 2019, come previsto dopo l’ultimo aggiornamento della giunta regionale. Le risorse complessive per il biennio 2019-2021 ammontano a 102 milioni di euro. L’avviso è rivolto ai residenti e/o domiciliati in Regione Lombardia che hanno meno di 65 anni in possesso dei seguenti requisiti:

  • disoccupati privi di impiego residenti e/o domiciliati in Lombardia;
  • occupati sospesi percettori di CIGS;
  • occupati appartenenti alla forza pubblica;
  • iscritti a Master universitari di I o II livello.

Sono esclusi i giovani fino a 29 anni parte del Programma Garanzia Giovani, i percettori di Naspi da oltre 4 mesi e gli occupati sospesi, che possono beneficiare dell’Assegno di Ricollocazione e dell’Avviso Azioni di rete per il lavoro.

Per quanto riguarda le agevolazioni, esse sono suddivise in fasce di aiuto, assegnate a ciascun richiedente in base a alle proprie caratteristiche:

  1. Bassa: persone che richiedono un supporto orientativo per ricollocarsi nel mondo del lavoro in autonomia;
  2. Medio-bassa: persone che necessitano un supporto per rendersi autonomi nella ricerca di un’occupazione duratura;
  3. Medio-alta: persone che necessitano un supporto dedicato per la ricerca di un lavoro;
  4. Alta: persone che necessitano un supporto intensivo dopo un lungo periodo di disoccupazione.
  5. Altro aiuto: persone che necessitano di servizi finalizzati alla riqualificazione professionale e all’occupabilità.

A queste persone è concesso un budget specifico, una dote, in base alla fascia di appartenenza, da concordare con l’Operatore per servizi funzionali al ricollocamento. Questa fase è definita Piano di Intervento Personalizzato (PIP).

Per accedere a Dote Unica Lavoro è necessario rivolgersi agli operatori accreditati in Lombardia per l’erogazione di servizi al lavoro e alla formazione sezione A e B (in relazione a target e fascia di aiuto) oppure alle Università legalmente riconosciute per l’erogazione di servizi formati nell’ambito dei Master. La selezione avviene tramite procedura valutativa a sportello a partire dal 22 gennaio 2019.

Cosa ne pensi?