sabato, ottobre 21, 2017
Learning Italy

XVII RAPPORTO SULLA FORMAZIONE CONTINUA IN ITALIA

immagine su formazione continua

Il Rapporto  sulla formazione è stato realizzato, come ogni anno (sin dalla sua prima edizione nel 2000) dall’Isfol, per la Relazione sulla formazione continua in Italia. Essa viene presentata dal Ministro del Lavoro e delle politiche sociali e trasmessa alla Camera dei Deputati.

Anche quest’anno il Rapporto sulla formazione continua si divide in due parti: la prima analizza le dimensioni della formazione per i lavoratori e le imprese mentre la seconda descrive il quadro delle politiche di sostegno. La prima parte si articola, come di consueto, in tre capitoli, il primo dei quali tratta il tema della partecipazione formativa dei lavoratori, il secondo quello degli investimenti formativi delle imprese e il terzo quello delle sfide per il miglioramento del sistema. Uno dei dati di maggior rilievo è l’esistenza di un ampio age gap, fenomeno collegato al crescente processo di invecchiamento della forza lavoro; a tal fine, si analizza il trend della partecipazione formativa degli occupati over 50, per livello di competenza delle professioni svolte. Emerge un’ampia polarizzazione formativa che penalizza soprattutto gli over 50 a basso livello di qualificazione (older low skilled workers) residenti nel Mezzogiorno e che si amplia nel periodo della crisi economica. Il terzo capitolo affronta il tema delle sfide per il miglioramento dei sistemi, descrivendo il ruolo che l’apprendimento permanente ha nella creazione di contesti abilitanti e nella produzione di nuove conoscenze, capaci di migliorare la competitività del sistema produttivo. La rilevanza del tema è confermata dal rapido excursus su vent’anni di politiche dell’Unione europea per la promozione del lifelong learning e degli investimenti in conoscenza, presentato nel capitolo alla luce della recente proposta della Commissione europea di creare un “pilastro europeo dei diritti sociali”. Nella seconda parte del Rapporto sulla formazione continua, si descrivono le politiche a supporto della formazione dei lavoratori e della competitività delle imprese. Nel complesso la parte si sviluppa in tre capitoli, ciascuno dei quali sviluppa temi relativamente omogenei al loro interno e che forniscono un quadro dell’evoluzione in atto.

 

Leggi anche: Lombardia: 10 milioni per la formazione continua

 

 

Cosa ne pensi?